Film-Movie https://www.film-movie.eu Il portale di cinema Mon, 28 May 2018 17:00:42 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.8 40 SONO I NUOVI 20: la nuova commedia romantica interpretata da Reese Witherspoon https://www.film-movie.eu/2017/09/01/40-sono-i-nuovi-20-la-nuova-commedia-romantica-interpretata-da-reese-witherspoon/ https://www.film-movie.eu/2017/09/01/40-sono-i-nuovi-20-la-nuova-commedia-romantica-interpretata-da-reese-witherspoon/#respond Fri, 01 Sep 2017 12:34:37 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1725 Da Nancy Meyers, la produttrice di L’amore non va in vacanza, È complicato, Tutto può succedere e Lo stagista inaspettato. Il 5 ottobre è in arrivo nelle sale italiane 40 SONO I NUOVI 20 la nuova commedia romantica interpretata dal Premio Oscar® Reese Witherspoon (Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line) e diretta dalla […]

The post 40 SONO I NUOVI 20: la nuova commedia romantica interpretata da Reese Witherspoon appeared first on Film-Movie.

]]>
Da Nancy Meyers, la produttrice di L’amore non va in vacanza, È complicato, Tutto può succedere e Lo stagista inaspettato.

Il 5 ottobre è in arrivo nelle sale italiane 40 SONO I NUOVI 20 la nuova commedia romantica interpretata dal Premio Oscar® Reese Witherspoon (Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line) e diretta dalla regista emergente Hallie Meyers-Shyer.

40 SONO I NUOVI 20 è un film sull’amore, l’amicizia e i legami che creiamo.
Alice Kinney, dopo il divorzio dal marito, decide di trasferirsi con le due figlie a Los Angeles dove è cresciuta. La sera del suo quarantesimo compleanno incontra in un locale tre giovani aspiranti registi che cercano un posto dove vivere. Alice decide di ospitarli temporaneamente a casa sua e presto la convivenza prenderà delle pieghe inaspettate.
La nuova vita della donna verrà presto sconvolta quando l’ex marito si presenterà alla sua porta con la valigia in mano.

Nel cast anche l’attore inglese Michael Sheen (Frost/Nixon Il duello) e i giovani Pico Alexander, Jon Rudnitsky e Nat Wolff.

The post 40 SONO I NUOVI 20: la nuova commedia romantica interpretata da Reese Witherspoon appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/09/01/40-sono-i-nuovi-20-la-nuova-commedia-romantica-interpretata-da-reese-witherspoon/feed/ 0
“VELENO” di Diego Olivares con Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri e Salvatore Esposito https://www.film-movie.eu/2017/09/01/veleno-diego-olivares-massimiliano-gallo-luisa-ranieri-salvatore-esposito/ https://www.film-movie.eu/2017/09/01/veleno-diego-olivares-massimiliano-gallo-luisa-ranieri-salvatore-esposito/#respond Fri, 01 Sep 2017 12:04:13 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1722 Ispirato a una storia vera, “Veleno” di Diego Olivares racconta il dramma della terra dei fuochi. Una storia di dolore e coraggio interpretata da Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri e Salvatore Esposito che sarà l’evento speciale di chiusura della Settimana Internazionale della Critica alla 74. Mostra internazionale d’arte cinematografica e arriverà al cinema dal 14 settembre. […]

The post “VELENO” di Diego Olivares con Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri e Salvatore Esposito appeared first on Film-Movie.

]]>
Ispirato a una storia vera, “Veleno” di Diego Olivares racconta il dramma della terra dei fuochi.

Una storia di dolore e coraggio interpretata da Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri e Salvatore Esposito che sarà l’evento speciale di chiusura della Settimana Internazionale della Critica alla 74. Mostra internazionale d’arte cinematografica e arriverà al cinema dal 14 settembre. Il film, una produzione Bronx Film Minerva Pictures e Tunnel Produzioni, è distribuito da Altre Storie.

Veleno, come quello che criminali senza scrupoli hanno disseminato in un piccolo centro del casertano. Diego Olivares presenta a Venezia il suo nuovo film, evento speciale della Settimana della Critica, dal 14 settembre al cinema con Altre Storie, interpretato da Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri, Salvatore Esposito, Miriam Candurro, Gennaro Di Colandrea, Marianna Robustelli, con la partecipazione straordinaria di Nando Paone.
Il film è una produzione Bronx Film Minerva Pictures e Tunnel Produzioni in collaborazione con Rai Cinema in collaborazione con Sky Cinema Film Commission Regione Campania Gesco Gruppo di Imprese Sociali.

“Veleno” di Diego Olivares – trailer – dal 14 settembre al cinema

Ispirato a una storia vera, Veleno è il racconto di una famiglia, di un’intera comunità che vive il dramma di un territorio contaminato, diventando simbolo delle contraddizioni di una terra ormai abbandonata a se stessa, dove la paura e i soldi facili corrompono gli animi di alcuni, ma fanno anche crescere il coraggio e la forza di reagire di altri. Cosimo e Rosaria nonostante la paura e il dolore per la malattia scelgono di non arrendersi e di rimanere radicati alle proprie radici.

“Uno sguardo dal basso, – racconta Diego Olivares – per raccontare uno squarcio di vita di una famiglia di contadini in un piccolo paese del casertano, dove ci si conosce un po’ tutti e dove le storie delle famiglie si incrociano spesso l’una con l’altra. Ciò che li accomuna tutti è proprio quel veleno che dalla terra arriva alle piante, all’acqua, ai corpi e dunque spesso finisce per corrompere anche gli animi, fa vincere la paura, la diffidenza e l’indifferenza che rende solidali e partecipi solo quando il male arriva a colpirti direttamente, che porta a difendere il tuo ma che spesso fa perdere il senso di comunità, di appartenenza, di difesa del bene comune”.

Un film di denuncia, con un messaggio forte sulle tragiche vicende delle zone contaminate dai rifiuti tossici, la cosiddetta Terra dei Fuochi, un problema devastante che ci vede responsabili tutti, anche chi semplicemente gira la testa dall’altra parte.

SINOSSI
In un piccolo centro del casertano, una umile famiglia di agricoltori vive il dramma di un territorio violato, contaminato dai veleni che criminali senza scrupoli hanno disseminato in buona parte di quella provincia.
Cosimo, il capofamiglia, e sua moglie Rosaria ostinatamente rifiutano di lasciare che i loro terreni diventino una discarica destinata ai rifiuti tossici: le minacce e le ripercussioni da parte di alcuni esponenti della camorra, tra i quali il giovane avvocato Rino, non li piegano. I due coniugi non vogliono staccarsi dalle loro radici e dalla loro terra interamente dominata da un potere mafioso che corrompe e distrugge. Ezio, fratello di Cosimo, e sua moglie, invece, accettano, attratti da facili guadagni, di essere complici della devastazione dei loro territori.
A complicare ulteriormente le cose è la grave malattia di Cosimo causata dal veleno che contamina l’acqua, i raccolti, il bestiame. Il calvario del protagonista diventa la sintesi delle piccole e grandi contraddizioni di una terra di fatto abbandonata a se stessa, dove lo Stato sembra aver definitivamente abdicato alle sue funzioni, dove l’unico potere riconoscibile e riconosciuto è rimasto solo quello criminale.

The post “VELENO” di Diego Olivares con Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri e Salvatore Esposito appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/09/01/veleno-diego-olivares-massimiliano-gallo-luisa-ranieri-salvatore-esposito/feed/ 0
Est Film Festival: tutti i vincitori dell’undicesima edizione https://www.film-movie.eu/2017/08/05/est-film-festival-tutti-vincitori-dellundicesima-edizione/ https://www.film-movie.eu/2017/08/05/est-film-festival-tutti-vincitori-dellundicesima-edizione/#respond Sat, 05 Aug 2017 17:15:14 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1715 Dopo nove giorni di grande cinema, anche l’undicesima edizione di Est Film Festival volge al termine. Prima di cominciare la serata, il Direttore Vaniel Maestosi, sul palco insieme al Direttore Artistico Glauco Almonte, ringrazia il pubblico sempre corposo e partecipe che in questi giorni ha seguito la manifestazione, rivelando una piccola anteprima di quello che […]

The post Est Film Festival: tutti i vincitori dell’undicesima edizione appeared first on Film-Movie.

]]>
Dopo nove giorni di grande cinema, anche l’undicesima edizione di Est Film Festival volge al termine.

Prima di cominciare la serata, il Direttore Vaniel Maestosi, sul palco insieme al Direttore Artistico Glauco Almonte, ringrazia il pubblico sempre corposo e partecipe che in questi giorni ha seguito la manifestazione, rivelando una piccola anteprima di quello che sarà un nuovo evento nel calendario del Festival: «EFF termina oggi a Montefiascone, ma le proiezioni continueranno a settembre, tutti i venerdì, nella splendida cornice delle Terme dei Papi. Il programma è ancora in fase di definizione ma possiamo già svelare che il giorno 15 ci sarà il film Che vuoi che sia, accompagnato dall’incontro con Edoardo Leo».

Dopodiché, arrivano i ringraziamenti a chi ha creduto anche quest’anno in Est Film Festival: i main sponsor Gruppo Bancario Credito Valtellinese e Italiana Assicurazioni; il Ministero dei Beni Culturali, la Regione Lazio, la Provincia di Viterbo, il Comune di Montefiascone, Unindustria, l’Università degli Studi della Tuscia, la Fondazione Carivit, la Camera di Commercio di Viterbo, la CNA Associazione di Viterbo e Civitavecchia, la Roma Lazio Film Commission; gli sponsor Autopremium Concessionaria BMW di Viterbo, le Terme dei Papi, Unicoop Tirreno, Cantina di Montefiascone, HSRL, Aem, Fratelli Marmo, Ergonet, Manzi Petroli, Caffè Fida, Nardini arredamenti, Etikart Srl, Centro Medico Bartoleschi, G.A.M. Srl, Tecnocasa, Caprio, La Corte & La Corte, Oleificio Bracoloni, Nuova Estetica Silvia, Eredi Saraca Lina; i partner Cinema Gallery, l’Agriturismo Location Colle di Montisola, CIC – Centro di Iniziative Culturali di Montefiascone, Gruppo Carramusa, Tipografia Grazini e Mecarini, Foto Ottica Breccola, la rivista Cinema del Silenzio, JazzUp Festival, Tuscia Welcome, Il Caminetto Resort, Hotel Urbano V, Hotel Altavilla, Vivai Brachini.

«Un grazie a tutto lo staff del Festival per l’incredibile lavoro che hanno fatto. Un saluto alla pizzeria Casti, che ci ha deliziato con le loro proposte di menu durante gli incontri serali. Un ringraziamento particolare al nostro amico Paolo Lupattelli, il quale come ogni anno ci permette di proiettare i film direttamente da una delle finestre di casa sua, regalandoci l’atmosfera da favola che tutte le sere pervade piazzale Frigo».

Maestosi lascia poi il microfono all’assessore alla cultura del comune di Montefiascone Fabio Notazio, il quale porta i complimenti del sindaco per il grande risultato raggiunto: «Anche quest’anno siete riusciti a riempire e far divertire questa piazza, dando un’offerta culturale importante ai cittadini e ai turisti».

Alle 21 e 30, la consegna della borsa di studio “Est Film Festival nelle scuole”, il progetto nato in collaborazione con la CNA Viterbo e Civitavecchia e che, da cinque anni, vede uniti l’IISS C. A. Dalla Chiesa ed EFF nel coinvolgere le classi dell’ultimo anno delle scuole superiori, attraverso la visione di documentari. In rappresentanza dell’istituto superiore, la professoressa Patrizia Centoscudi che ringrazia il Festival: «Per aprire i ragazzi verso le tematiche attuali e per prepararli alla prova finale di maturità attraverso una sensibilizzazione alla fonte filmica».

La borsa di studio “Est Film Festival nelle scuole” viene assegnata quest’anno a Valeria Valentini.

La parola passa a Luigia Melaragni della CNA Viterbo e Civitavecchia: «Siamo onorati di consegnare la borsa di studio anche quest’anno perché il nostro appoggio al Festival è dovuto anche all’ottimo lavoro che la direzione riesce a fare insieme agli insegnanti della scuola. Possiamo constatare con quale entusiasmo i ragazzi partecipino a questa iniziativa che noi sosterremo sempre, perché occasione di crescita culturale».

Alle 21 e 45 è il momento di scoprire i vincitori delle cinque sezioni in concorso di Est Film Festival 2017. Si comincia da quello che è l’incipit per ogni cineasta: i cortometraggi.

«Un premio che ci inorgoglisce molto – afferma Maestosi – perché lo assegniamo insieme a un’altra realtà importante come l’Università della Tuscia». La giuria dei corti è, infatti, composta dai ragazzi di Radio Unitus (Gabriele Achilli, Samuele Argelati, Stefano Barzellotti, Michela Di Pietro, Giorgia Fontana, Daniele Marazzi) e presieduta dal direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche, della Comunicazione e del Turismo (Disucom) professor Giovanni Fiorentino: «L’Unitus sostiene Est Film Festival fin dalla sua prima edizione per la grande energia, l’entusiasmo e la competenza che mette nel coinvolgere i giovani».

Prima della consegna dell’Arco d’Argento Premio Università della Tuscia, la giuria decide di dare una menzione speciale a Sono qui di Anjan di Leonardo: “Per l’importanza del tema trattato messo in scena con un’ottima fotografia e un coinvolgente lavoro di montaggio”.

Il premio come miglior cortometraggio va, invece, a Buffet di Alessandro D’Ambrosi e Santa De Santis con la seguente motivazione: “Gli elementi del genere comico e del grottesco si ben amalgamano con il crescente clima di tensione volutamente costruito dagli autori per sottolineare l’attuale situazione sociale del nostro Paese. Particolarmente apprezzate sono state le innumerevoli citazioni che ripercorrono alcuni importanti momenti della storia del cinema, riprodotte attraverso un sapiente uso della fotografia e un montaggio particolarmente dinamico. Le musiche fungono da colonna portante dell’intero mood della storia, accompagnandola per tutta la durata del cortometraggio”. A ritirare il premio è la regista Santa De Santis.

Arriva poi il momento della sezione documentari, introdotta dal presidente della giuria Giancarlo Breccola e composta dai soci del CIC – Centro Iniziative Culturali di Montefiascone (Corinne Burns, Paolo Capuani, Elena Carelli, Lello Di Carmine, Rina Onorati, Daniela Ramaglioni, Gloria Rivolta, Mariolina Scavera Malvagna): «Sono tanti anni che la nostra associazione collabora attivamente con EFF. Giudicare è difficile, anche considerando che le opere che abbiamo visto sono molto eterogenee».

L’Arco d’Argento Premio CIC – Centro Iniziative Culturali va a Camminando sull’acqua di Gianmarco D’Agostino: “Per la grande capacità estetica e comunicativa con cui sono stati elaborati i materiali d’archivio inediti e le testimonianze raccolte; per il messaggio di speranza insito nella trasmissione della conoscenza tra generazioni che caratterizza il lavoro; per la profondità di un progetto narrativo di indiscusso significato sociale e didattico”.

Ritirando il premio, il regista Gianmarco D’Agostino ringrazia Est Film Festival: «Grazie per la vostra ospitalità. Questo festival è stato fatto con grande professionalità e soprattutto gentilezza». Viene poi svelato che, per l’importante valore storico che pone una nuova luce sull’alluvione che colpì Firenze nel 1966, la direzione di EFF ha preso accordi per portare l’opera premiata nelle scuole già dal prossimo anno.

Si passa infine ai premi per i lungometraggi, cominciando con la miglior colonna sonora. Per la prima volta sul palco di Est Film Festival, l’amministratore delegato delle Terme dei Papi Marco Sensi: «Sono molto soddisfatto del nostro investimento e mi sento onorato di far parte di coloro che supportano il Festival. Da questa collaborazione è nata una grande idea: vedere un evento culturale immersi nelle calde acque termali, un’esperienza già fatta in passato ma che, grazie alla vostra esperienza, siamo riusciti ad arricchire. Speriamo il prossimo anno di non dover aspettare settembre, ma di iniziare con le proiezioni già dal mese di giugno».

Per introdurre le motivazioni della giuria composta da Cecilia Antinelli, Massimo Chiodi, Chiara Ciripicchio, Carlo Gigli, Ferdinando Guglielmotti, Carla Menichelli, Piergiorgio Necciari, Elonora Orchi, Alessandra Ragonesi, prende la parola il presidente della giuria e Direttore Artistico del JazzUp Festival, Giancarlo Necciari: «La musica cerca di coagulare la sceneggiatura, e quest’anno il nostro lavoro è stato impegnativo più che mai: abbiamo avuto difficoltà a scegliere solo un vincitore».

L’Arco d’Argento Premio Terme dei Papi alla miglior colonna sonora va a I figli della notte di Andrea De Sica: “La colonna sonora dell’opera risulta sapientemente strutturata nella sua varietà, allo stesso tempo solida e flessibile, caratterizzata da una forte presenza di note inquiete, fredde e arrabbiate, che ben riflettono gli ambienti, le vicende e i personaggi del film. La musica, in parte composta dallo stesso regista, rafforza l’originalità della sceneggiatura, coinvolgendo completamente lo spettatore nella sinestesia percettiva di “vedere” i suoni e “ascoltare” le immagini. I toni e i ritmi più esplosivi e gaudenti di alcuni brani non originali, sapientemente selezionati, disposti in modo insolito e mai scontato, irrompono nell’atmosfera cupa e agghiacciante della storia quale anelito verso di un piacere sognato, sperato e, alla fine, paradossalmente trovato. Perfette risultano essere, pertanto, le sequenze musicali che con forti tinte ma anche con riff e sottili anticipazioni, sostengono ed evidenziano gli stati d’animo e i conflitti dei protagonisti dalla prima all’ultima scena”.

Ritira il premio Mariano Di Nardo, sceneggiatore di I figli della notte: «Grazie a EFF per aver proiettato il nostro film, grazie alla giuria e a Marco Sensi. Andrea è molto felice di ricevere l’Arco D’Argento perché è la prima volta che vince un premio per le musiche. Un riconoscimento ancora più significativo visto che suo padre (il compositore Manuel De Sica) avrebbe dovuto comporre la colonna sonora di questo film. Dopo la sua morte, Andrea si è trovato nella situazione difficile di cercare qualcuno che avrebbe potuto continuare il progetto iniziato da lui, ma alla fine ha deciso coraggiosamente di portarlo avanti lui stesso».

Arriva poi il momento di quello che il Direttore Vaniel Maestosi definisce: «Il premio con la giuria più bella, ovvero gli spettatori. È facile vedere la piazza piena con personaggi importanti come Edoardo Leo o Gianni Amelio, ma quando il pubblico sostiene con una presenza enorme questi film nuovi, lo fa per amore del cinema e il nostro applauso va a tutte le persone che ogni sera ci hanno seguito».

Prima di scoprire il vincitore dell’Arco d’Argento al miglior film scelto dal pubblico, il nuovo presidente della Cantina Sociale di Montefiascone, Pietro Carletti, rassicura: «Anche se è cambiata la leadership, non cambierà l’impegno della Cantina verso il Festival. Tra di noi c’è stata da subito una grande intesa e vi esortiamo a continuare con lo stesso impegno e dedizione».

Maestosi fa poi un saluto all’ex presidente Fabio Brugnoli: «Un prezioso amico che ci segue fin dal primo anno».

Il vincitore dell’Arco d’Argento Premio Cantina Sociale di Montefiascone con una media di voti di 8,5 è La ragazza del mondo. Ritirano il premio il regista Marco Danieli e lo sceneggiatore Antonio Manca: «Siamo molto felici di ricevere questo premio per un film che non è catalogabile dentro un genere ben preciso. Grazie a tutti: ci piace il vino e ci piace il pubblico di Montefiascone».

È arrivato il momento più importante di Est Film Festival: il premio per il miglior lungometraggio.

A prendere il microfono è il dottor Marco Sala della Direzione Territoriale Centro Gruppo Credito Valtellinese: «È un onore essere main sponsor da 9 anni. La mia presenza in ogni edizione serve a rappresentare il piacere di tutta la banca a partecipare a questo incredibile festival. Il vostro dare spazio alla cultura e ai giovani è un grande contributo per il territorio».

Sul palco, Ambrogio Lo Giudice e Francesca Brunori che, insieme a Danilo Maestosi, hanno composto la giuria presieduta da Giampaolo Sodano. «Devo ringraziare la direzione composta da Vaniel Maestosi e Glauco Almonte per averci dato la possibilità di giudicare questi incredibili film – afferma Lo Giudice – Senza di loro il Festival non esisterebbe. Le persone dovrebbero essere fiere di avere un evento di questa importanza qui a Montefiascone. Fare un’opera prima è complicatissimo: quando pensi di aver finito arriva il momento più difficile, quello della distribuzione. L’importanza di un festival come questo per l’arte cinematografica è fondamentale. Chi riesce a fare un film ha un piacere enorme quando la sua opera può avere una così ampia visibilità».

Il microfono passa alla costumista Francesca Brunori: «Mi associo alle considerazioni fatte da Ambrogio e ringrazio Glauco e Vaniel per il contribuito culturale che apportano alla zona, non solo di Montefiascone, ma di tutta la Tuscia».

Prima di scoprire il vincitore, vengono lette le motivazioni della giuria: “Un film popolare, racconta una storia che sa entrare in sintonia con le emozioni e il vissuto del pubblico scegliendo un’angolazione poco nota come quella del testimoni di Geova. Ma anche un film sofisticato,che non ripiega su soluzioni scontate e analizza con il giusto distacco la nascita e la fine di un rapporto d’amore intenso ma diseguale, senza concedere alibi ai due protagonisti, mescolando in modo equilibrato la loro forza e la loro fragilità. Un film ben fatto. Buona sceneggiatura. Bravi attori e ben diretti. Un ritmo che non subisce flessioni. Grande risultato per un’opera d’esordio!”.

Dopo la vittoria del premio del pubblico, La ragazza del mondo vince anche l’Arco d’Oro Premio Gruppo Credito Valtellinese, un evento che a Est Film Festival non succedeva dal 2008 con Cover Boy di Carmine Amoroso.

«Il sogno di ogni regista – afferma Marco Danieli – è riuscire ad avere il favore degli spettatori e della critica. Siamo orgogliosi di ricevere oggi questi due premi».

Prima di salutare piazzale Frigo e tutto il pubblico di Est Film Festival, prende la parola il Direttore Artistico Glauco Almonte: «In questi ultimi quattro anni abbiamo fatto dei festival molto diversi l’uno dall’altro. Nei nove giorni che hanno composto questa undicesima edizione, abbiamo ritrovato il piacere di fare Est Film Festival, vedendo questa piazza piena con tutte le persone che hanno sempre creduto in noi: è questo il momento nel quale ti rendi conto che il tuo lavoro vale la pena di essere fatto».

Grazie a Montefiascone, grazie a tutti gli sponsor e grazie a tutti gli spettatori che hanno partecipato a questa undicesima edizione di Est Film Festival.

L’appuntamento è tutti i venerdì di settembre alle Terme dei Papi.

The post Est Film Festival: tutti i vincitori dell’undicesima edizione appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/08/05/est-film-festival-tutti-vincitori-dellundicesima-edizione/feed/ 0
Quattro scrittori italiani si contendono il premio RidiCasentino https://www.film-movie.eu/2017/08/05/quattro-scrittori-italiani-si-contendono-premio-ridicasentino/ https://www.film-movie.eu/2017/08/05/quattro-scrittori-italiani-si-contendono-premio-ridicasentino/#respond Sat, 05 Aug 2017 16:55:42 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1709 Sabato 5 agosto, Raggiolo ospita la finale del concorso letterario nazionale dei Noidellescarpediverse. Daniele Magini e la presentazione di “Alberto, il Cavaliere che rimò la Giostra” arricchiranno la serata. RAGGIOLO (AR) – Scrittori da tutta la penisola si contendono il premio letterario nazionale RidiCasentino. Sabato 5 agosto, alle 21.00, il borgo di Raggiolo ospita la […]

The post Quattro scrittori italiani si contendono il premio RidiCasentino appeared first on Film-Movie.

]]>
Sabato 5 agosto, Raggiolo ospita la finale del concorso letterario nazionale dei Noidellescarpediverse. Daniele Magini e la presentazione di “Alberto, il Cavaliere che rimò la Giostra” arricchiranno la serata.

RAGGIOLO (AR) – Scrittori da tutta la penisola si contendono il premio letterario nazionale RidiCasentino. Sabato 5 agosto, alle 21.00, il borgo di Raggiolo ospita la finale della quarta edizione del concorso organizzato dall’associazione culturale Noidellescarpediverse per individuare il miglior racconto italiano di genere comico, ironico e divertente. La serata, ad ingresso gratuito ed inserita tra le iniziative dell’undicesima edizione dell’omonimo festival RidiCasentino, proporrà infatti una vera e propria gara tra storie che saranno valutate da una doppia giuria qualificata e popolare per arrivare a stilare la classifica finale e ad assegnare così la vittoria del primo premio.

Al concorso si sono iscritti trentatre scrittori in rappresentanza di tutto lo stivale (da Palermo a Torino) che hanno inviato fino a tre racconti e, tra questi, sono stati scelti i migliori quattro che si sfideranno nella suggestiva cornice della piazza di Raggiolo. I finalisti sono Andrea Cappellini da Pomarance (Pi) con il suo “Tanto faccio presto”, Alessandra Gregorio da La Loggia (To) con “Inferno rosa”, Maddalena Molteni da Milano con “Tecniche di sopravvivenza alla maternità” e Steven Gold (Mirella Varosio) da Genova con “Detective story”. Rispetto alle passate edizioni, RidiCasentino ha registrato anche una forte partecipazione di scrittori aretini e uno di questi ha meritato uno dei riconoscimenti in palio: “La montagna disincantata” di Athos Boncompagni si è aggiudicata il premio speciale “Brigata di Raggiolo” assegnato ad una storia legata al tema della montagna per ambientazione e riferimenti. Questi cinque racconti saranno letti nel corso dello spettacolo dagli attori professionisti Samuele Boncompagni e Lenny Graziani, accompagnati dal sottofondo musicale della chitarra di Giacomo Marzi, mentre la giuria sarà coordinata da Alan Bigiarini. Il concorso letterario sarà ulteriormente arricchito dalla presentazione del libro “Alberto, il Cavaliere che rimò la Giostra” scritto da Alessandro Bindi e Alessandro Boncompagni: l’opera traccia la vita dello scrittore, poeta e politico Alberto Cavaliere ripercorrendone l’esistenza e i successi letterari ed umani, tra cui spicca il poemetto in ottava rima dedicato alla Giostra del Saracino. Non mancheranno nemmeno le risate del cabaret garantite dalle incursioni dell’ospite Daniele Magini, comico monologhista di Abbadia San Salvatore che è stato tra i protagonisti del Lab Zelig Toscana e che ha raggiunto la celebrità per le sue apparizioni in programmi televisivi alla Rai e a Mediaset, tra i quali spicca “La sai l’ultima”. «La finale di RidiCasentino – commenta Boncompagni, anima dei Noidellescarpediverse, – si presenta particolarmente ricca e variegata. Siamo entusiasti perché al concorso hanno partecipato scrittori da tutta Italia e questo ci ha permesso di scegliere cinque racconti di alta qualità e spiccata simpatia: sarà una serata all’insegna della risata, in una location di eccezionale bellezza come Raggiolo».

The post Quattro scrittori italiani si contendono il premio RidiCasentino appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/08/05/quattro-scrittori-italiani-si-contendono-premio-ridicasentino/feed/ 0
L’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL si avvia alla conclusione https://www.film-movie.eu/2017/08/05/lariano-international-film-festival-si-avvia-alla-conclusione/ https://www.film-movie.eu/2017/08/05/lariano-international-film-festival-si-avvia-alla-conclusione/#respond Sat, 05 Aug 2017 16:41:03 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1706 Tante saranno le stelle che brilleranno nella serata del 5 agosto: a partire dalla straordinaria Giuliana De Sio per poi proseguire con i grandi Alessandro Haber, Pio Luigi Piscicelli, Alex Belli, Salvatore Misticone, Angelo Orlando, Roberta Giarrusso e Denise Capezza. Come ogni anno, anche in questa edizione le numerosissime proiezioni, i workshop, le mostre e […]

The post L’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL si avvia alla conclusione appeared first on Film-Movie.

]]>
Tante saranno le stelle che brilleranno nella serata del 5 agosto: a partire dalla straordinaria Giuliana De Sio per poi proseguire con i grandi Alessandro Haber, Pio Luigi Piscicelli, Alex Belli, Salvatore Misticone, Angelo Orlando, Roberta Giarrusso e Denise Capezza.

Come ogni anno, anche in questa edizione le numerosissime proiezioni, i workshop, le mostre e tutti gli eventi sono stati rigorosamente gratuiti e hanno portato ai molti visitatori del Festival eventi culturali di qualità e di stampo internazionale. Proprio la grande mole di attività e le diverse iniziative hanno fatto registrare una notevole partecipazione di pubblico e un entusiastico consenso da parte della critica. Ancora una volta l’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL ha rappresentato al meglio un’occasione ideale non solo per incontrare il cinema indipendente ma anche la cultura in tutte le sue sfumature.

Quella che si appresta alla conclusione verrà ricordata come l’edizione dei record. Un’edizione dai grandi numeri 1000 opere giunte da 65 nazioni diverse. Le 90 giunte in finale, proiettate gratuitamente per 8 giorni in 3 sale.
Ma oltre alla competizione, ben tre sono stati i film fuori concorso che hanno arricchito il Festival: “MY ITALY” di Bruno Colella, “LA LEGGENDA DELLA VERA CROCE” di Alessandro Perrella e “SINDROME” di Rina la Gioia.
Giunto ormai al suo quinto anno di vita, l’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL è diventato ancora più internazionale e a confermarlo c’è l’interessamento di numerose ambasciate che hanno conferito i loro patrocini: l’ Ambasciata di Spagna (Oficina Cultural Embajada de España), l’Ambasciata di Svizzera in Italia, l’Ambasciata dei Paesi Bassi, l’Ambasciata d’India (Embassy of India, Rome), l’Ambasciata di Ungheria, il Goethe Institut, il Forum Austriaco di Cultura, l’Istituto Bulgaro di Cultura, dl’Istituto Balassi Accademia d’Ungheria in Roma, gli Amici della Bulgaria, l’Institut Français, l’Instituto Cervantes Nápoles e l’Istituto di Cultura e Lingua Russa.

Accanto a queste ambasciate e ai numerosi istituti culturali, è doveroso menzionare l’importante collaborazione con l’Azerbaijan attraverso i convegni e la proiezione del film “NABAT” di Elchin Musaoglu il 30 luglio.

Nel corso del Festival si sono susseguiti seminari, convegni, workshop, incontri letterari, mostre fotografiche e le proiezioni delle oltre 100 opere finaliste delle sei sezioni ufficiali. Alle cinque canoniche, quest’anno si è aggiunta la sezione speciale AIFF GREEN, una categoria dedicata al tema dell’ambiente e alla sua salvaguardia. Questa iniziativa ha ricevuto i prestigiosi patrocini dal FAI – Fondo Ambientale Italiano e dal WWF che attraverso workshop e convegni hanno voluto sensibilizzare grandi e bambini alla salvaguardia e alla difesa del nostro ecosistema.

Hanno arricchito il programma la tradizionale mostra fotografica presso Palazzo Cozzo di Ariano Irpino , la mostra filologica sugli affreschi della vera croce di Piero della Francesca, a cura di Alessandro Perrella e la presentazione della silloge “In una parte più e meno altrove” di Nicola Prebenna.

A rappresentare al meglio la natura artistica e al contempo pop del Festival c’è stata la coloratissima sfilata dei Cosplay, manifestazione svoltasi a Savignano Irpino e in cui ragazzi provenienti da diverse parti d’Italia si sono trasformati in personaggi provenienti dal mondo del cinema, delle serie TV, del fumetto e dell’animazione.

Diverse sono state anche le occasioni di riflessione, tra le quali l’omaggio alla memoria di Paolo Villaggio con la proiezione dell’opera di Lina Wermüller “Io speriamo che me la cavo”, vero e proprio capolavoro che è riuscito a imprimere nella memoria di tutti gli spettatori le emozioni e l’apparente leggerezza del cinema popolare italiano.

Nella penultima serata sono stati proclamati vincitori il documentario “Saro” di Enrico Maria Artale, la serie web “Hooked” di Luca Vecchi, “Miel Bleu” di Constance Joliff per la sezione animazione e il cortometraggio scuole “Pria” di Yudho Aditya.

Nonostante la grande offerta di questi giorni le sorprese non mancheranno nemmeno nella giornata di oggi con una programmazione che è altrettanto prodiga di eventi. In questa giornata finale, in continuità con i giorni scorsi, ci sarà alle 18:00, presso la Sala Palazzo degli Uffici la proiezione gratuita del cortometraggio fuori concorso “Sindrome” di Rina La Gioia al quale seguirà l’incontro con la regista.

A concludere l’ultima serata dell’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL dalle ore 20:00, presso la Villa Comunale, ci sarà il glamour del red carpet sul quale sfileranno le star e gli ospiti di questa quinta edizione. A seguire spazio alle premiazioni delle sezioni lungometraggi, cortometraggi e AIFF Green.
La serata sarà accompagnata dalla musica del gruppo musicale Famiglia Gibboni.

The post L’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL si avvia alla conclusione appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/08/05/lariano-international-film-festival-si-avvia-alla-conclusione/feed/ 0
Bagno di folla per Edoardo Leo a Est Film Festival https://www.film-movie.eu/2017/07/28/bagno-di-folla-per-edoardo-leo-a-est-film-festival/ https://www.film-movie.eu/2017/07/28/bagno-di-folla-per-edoardo-leo-a-est-film-festival/#respond Fri, 28 Jul 2017 17:23:09 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1718 Il giovedì di Est Film Festival inizia alle 17 e 30 al Cinema Gallery di Montefiascone per la proiezione del penultimo documentari in lizza per l’Arco d’Argento Premio CIC – Centro di Iniziative Culturali: Lunàdigas di Nicoletta Lesner e Marilisa Piga. Alle 21 e 30, una piazzale Frigo stracolma accoglie il ritorno di un grande […]

The post Bagno di folla per Edoardo Leo a Est Film Festival appeared first on Film-Movie.

]]>
Il giovedì di Est Film Festival inizia alle 17 e 30 al Cinema Gallery di Montefiascone per la proiezione del penultimo documentari in lizza per l’Arco d’Argento Premio CIC – Centro di Iniziative Culturali: Lunàdigas di Nicoletta Lesner e Marilisa Piga.

Alle 21 e 30, una piazzale Frigo stracolma accoglie il ritorno di un grande amico del Festival, Edoardo Leo che riceve dall’assessore alla cultura Fabio Notazio l’Arco di Platino Premio Città di Montefiascone. Prima della proiezione della sua ultima commedia Che vuoi che sia (con Rocco Papaleo, Anna Foglietta e Marina Massironi), il regista romano ha incontrato il suo pubblico, raccontando i suoi difficili esordi: «Ho realizzato il mio primo film da regista con le unghie e con i denti perché, venendo dalle serie tv e dalle fiction, nessuno credeva in me. Un esordio tragicomico: quando Diciotto anni dopo è uscito nelle sale è andato malissimo perché arrivò nei cinema a giugno 2010, durante i mondiali di calcio. Per tutte le vicissitudine che si sono susseguite, potrei tranquillamente scrivere una storia sulla produzione di quel film. Poi successe che in ogni festival dove andavamo vincevamo un premio. Era sorprendente il responso e l’affetto delle persone che lo vedevano. È successa la stessa cosa qui a Montefiascone dove, infatti, abbiamo vinto il premio del pubblico».

Dopo un lungo applauso, Leo si sofferma anche sul ruolo stesso dei festival: «Queste serate in piazza non sono la semplice visione di un film, ma servono a confrontarsi con altre persone. Le immagini sullo schermo sono solo una variabile di quella serata. Le manifestazioni come Est Film Festival servono alla comunità per stringersi e stare insieme. Questa per me è un’immagine incredibile: vedere tutte le sere questa piazza così affollata».

Quando gli viene fatto notare che le storie narrate nelle sue commedie sembra esserci sempre, come tema di fondo, la sua gavetta raccontata da personaggi che, in un modo o nell’altro, cercano di realizzarsi, il regista risponde: «Quando scrivi e fai la regia, è normale che i tuoi film finiscano per assomigliarti, anche fisicamente. Io credo di somigliare ai film che faccio. Io sono così: ritengo che la vita sia seria e non seriosa e soprattutto mi piace descrivere la mia generazione attraverso una battuta. In fondo, da La grande guerra ad oggi, questo è il modo di raccontare di noi italiani».

Edoardo parla poi di come Est Film Festival sia stato per lui un luogo di incontri importanti: «Qui, nel 2011, ho conosciuto per la prima volta Rocco Papaleo, che poi è diventato uno dei protagonisti di Che vuoi che sia. Con Marco Giallini, che è stato vostro ospite nel 2013, un amico fraterno, condividiamo il fatto che non abbiamo avuto subito successo. Un percorso fatto di gavetta e senza scorciatoie, mantenendo la nostra coerenza. Quest’anno festeggio i miei 24 anni di gavetta, ma l’unico merito che mi riconosco è questo: non mi sono mai svenduto, nemmeno nei momenti in cui sarebbe stato facile farlo».

Prima di lasciare il palco per dedicarsi alle foto con i fan, la direzione di EFF cerca di strappargli una promessa vista l’importanza che il Festival ha svolto nella sua carriera: nel caso di una film biografico sulla sua vita di regista, sarebbe impossibile per lui escludere di effettuare le riprese a Montefiascone: «Mi piacerebbe fare un film qui, ma ci vuole la storia giusta, altrimenti verrei solo per piaggeria. Adesso sto realizzando un documentario sulla vita di Gigi Proietti, magari tornerò a presentarlo qui insieme a lui. Questo posto lo sento profondamente amico perché certi applausi non te li scordi».

Venerdì 28 luglio sarà la giornata conclusiva per le sezioni competitive dell’undicesima edizione di Est Film Festival: alle 17e30 al cinema Gallery di Montefiascone, l’ultimo documentario in concorso è Funne – le ragazze che sognavano il mare di Katia Bernardi che dopo la proiezione incontrerà il pubblico.

Alle 21e30 in piazzale Frigo sarà la volta del film di Marco Danieli La ragazza del mondo, quinto film a concorrere nella sezione lungometraggi per l’Arco d’OroPremio Gruppo Credito Valtellinese, per l’Arco d’Argento al miglior film scelto dal pubblico Premio Cantina di Montefiascone e per l’Arco d’Argento per la miglior colonna sonora Premio Terme dei Papi.

The post Bagno di folla per Edoardo Leo a Est Film Festival appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/07/28/bagno-di-folla-per-edoardo-leo-a-est-film-festival/feed/ 0
ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL – UNA 5a EDIZIONE PIENA DI SORPRESE https://www.film-movie.eu/2017/07/28/ariano-international-film-festival-5a-edizione-piena-sorprese/ https://www.film-movie.eu/2017/07/28/ariano-international-film-festival-5a-edizione-piena-sorprese/#respond Fri, 28 Jul 2017 17:00:26 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1712 La settima arte torna a far battere il cuore della Campania con la 5a edizione dell’Ariano International Film Festival, che si terrà dal 29 luglio al 5 agosto tra Ariano Irpino, Savignano Irpino e Flumeri. La manifestazione continua con la sua missione, ovvero quella di alimentare la passione per il cinema e dare spazio anche […]

The post ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL – UNA 5a EDIZIONE PIENA DI SORPRESE appeared first on Film-Movie.

]]>
La settima arte torna a far battere il cuore della Campania con la 5a edizione dell’Ariano International Film Festival, che si terrà dal 29 luglio al 5 agosto tra Ariano Irpino, Savignano Irpino e Flumeri.

La manifestazione continua con la sua missione, ovvero quella di alimentare la passione per il cinema e dare spazio anche agli autori più giovani e meno mainstream.
Il programma delle otto giornate sarà particolarmente ricco di eventi legati all’arte, alla cultura e allo spettacolo; dalle proiezioni delle opere in concorso ai workshop (tutto gratuito), passando per mostre, spettacoli e incontri con i vari protagonisti.

Molti anche quest’anno gli artisti che calcheranno il red carpet del festival, tra cui Pio Luigi Piscicelli (direttamente dal cast della serie tv “Braccialetti Rossi”), Leonardo Cecchi attore protagonista della serie TV Disney “Alex & Co” Alex Belli, Alessandro Haber, Salvatore Misticone, Angelo Orlando,Roberta Giarrusso Denise Capezza, e un superospite ancora da scoprire…

L’AIFF 2017 si inaugurerà la mattina del 29 luglio con l’ormai tradizionale mostra fotografica presso il Palazzo Cozzo di Ariano Irpino, che si potrà visitare anche nei giorni successivi dalle 10 alle 22.
Nel pomeriggio l’attenzione si sposterà a Savignano Irpino, con la coloratissima sfilata dei cosplay.
La serata si concluderà alle 21 ad Ariano con la proiezione dei corti di Animazione nell’ambito della manifestazione “Notte Bianca” in via Cardito.

Il 30 luglio, presso la Sala del Castello, verrà allestita una mostra filologica sugli affreschi della vera croce di Piero della Francesca, a cura di Alessandro Perrella, che proseguirà fino al 5 agosto dalle ore 10 alle 20.
Nel pomeriggio, alle 17, sempre presso la Sala del Castello ci sarà il convegno “L’impatto sociale delle scuole d’abaco. La matematica di Piero della Francesca” a cura del Prof. Mario Mandrone, docente presso l’Università del Sannio.
La serata invece sarà tutta dedicata all’Azerbaijan. Si partirà alle 18:30 con il convegno “L’AIFF incontra l’Azerbaijan” al quale interverranno Elmar Baghirov (Segretario dell’Ambasciata Azera in Italia), Emanuela Traldi (Presidente della Camera di Commercio italo-azera), Oreste La Stella (Presidente della Camera di Commercio di Avellino) e tanti altri illustri ospiti.
A seguire, alle ore 20:45, presso l’Auditorium Comunale di Ariano Irpino sarà proiettato il film azero “Nabat” di Elchin Musaoglu, opera candidata per la categoria “Miglior film straniero” agli Oscar 2015 e presentata nella categoria “Orizzonti” alla 71a Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

Il 31 luglio, alle 21, presso l’Auditorium Comunale di Ariano ci sarà la proiezione di “My Italy” film fuori concorso di Bruno Colella, al quale seguirà un incontro con il regista e con parte del cast.

Il 1 agosto sarà la giornata del workshop “Il Villaggio Glocale” a cura del FAI – Fondo Ambientale Italiano moderato da Salvatore Biazzo (docente di giornalismo presso l’Università di Salerno) e al quale interverranno Raffaele Troncone (delegato FAI Avellino), Francesco Caloia (dirigente scolastico I.I.S.S. Ruggero II di Ariano Irpino), Giovanni De Feo (ideatore del progetto GREENOPOLI), Paolo Speranza (direttore della rivista “Quadrni di Cinema Sud”) e Carmela Melito (docente presso I.I.S.S. Ruggero II).
Alle ore 21, presso l’Auditorium comunale, l’AIFF renderà omaggio alla memoria di Paolo Villaggio proiettando il film di Lina Wertmüller “Io speriamo che me la cavo”.

Il 2 agosto, alle 16:30 presso la Sala del Castello, verrà istituito il Laboratorio di Educazione Ambientale “Il lupo e gli altri personaggi del bosco” a cura del WWF Sannio, con il coordinamento di Donatella Porfido (esperta di educazione ambientale) e Camillo Campolongo (Presidente WWF Sannio).

Il 3 agosto alle 17:45 presso la Sala del Castello, in occasione della presentazione della silloge “In una parte più e meno altrove” di Nicola Prebenna, avrà luogo un dialogo sulla poesia coordinato dal Prof. Salvatore Salvatore (direttore della rivista VICATIM) e al quale parteciperà come relatore il Prof. Virgilio Iandiorio (Preside Emerito, scrittore e giornalista). La lettura delle opere a cura dello stesso autore, sarà intramezzata da interventi musicali del Maestro in pianoforte Daniela Salvo.
Alle 21 nell’Auditorium Comunale verrà proiettato, fuori concorso, il film “La leggenda della vera croce” di Alessandro Perrella.

Il 4 agosto, dalle ore 17.30 presso l’Auditorium Comunale, si terranno le premiazioni del concorso fotografico e delle sezioni documentari, animazione, serie web e corti scuola.
Alla cerimonia parteciperanno la New Dance School Arabesque di Annamaria Tranfaglia e e il Centro Studi Danza di Roberta Musto.
Dalle 21 nella Villa Comunale, spazio invece agli artisti di strada.

Il 5 agosto, alle ore 18 presso la Sala Palazzo Uffici, verrà proiettato il cortometraggio fuori concorso “Sindrome” di Rina La Gioia e a seguire l’incontro con la regista.
Dalle 20, presso la Villa Comunale, ci sarà un momento glamour con il red carpet su cui sfileranno le star di questa edizione. Poi spazio alle premiazioni delle sezioni lungometraggi, cortometraggi e AIFF Green.
La serata sarà impreziosita dalla partecipazione del gruppo musicale Famiglia Gibboni, per una chiusura in bellezza.

The post ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL – UNA 5a EDIZIONE PIENA DI SORPRESE appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/07/28/ariano-international-film-festival-5a-edizione-piena-sorprese/feed/ 0
Animavì: Festival Internazionale del Cinema d’animazione poetico – seconda edizione https://www.film-movie.eu/2017/06/27/animavi-festival-internazionale-del-cinema-danimazione-poetico-seconda-edizione/ https://www.film-movie.eu/2017/06/27/animavi-festival-internazionale-del-cinema-danimazione-poetico-seconda-edizione/#respond Tue, 27 Jun 2017 16:05:01 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1700 Diretto dal regista Simone Massi, il primo festival al mondo dedicato specificatamente all’animazione poetica e d’autore. Bronzo Dorato alla Carriera 2017 al regista russo Alekandr Sokurov. Tra gli ospiti, il regista svizzero Georges Schwizgebel – che ha realizzato la locandina del festival – Sergio Staino, Marco Paolini – che a Pergola porterà in conferenza-spettacolo il […]

The post Animavì: Festival Internazionale del Cinema d’animazione poetico – seconda edizione appeared first on Film-Movie.

]]>
Diretto dal regista Simone Massi, il primo festival al mondo dedicato specificatamente all’animazione poetica e d’autore.

Bronzo Dorato alla Carriera 2017 al regista russo Alekandr Sokurov. Tra gli ospiti, il regista svizzero Georges Schwizgebel – che ha realizzato la locandina del festival – Sergio Staino, Marco Paolini – che a Pergola porterà in conferenza-spettacolo il suo Techno-Filò. Technology and me – Ninetto Davoli e Valentina Carnelutti, i poeti Nino De Vita e Umberto Piersanti e i tanti registi in concorso. Conduce le serate Luca Raffaelli. Sedici opere in concorso da tutto il mondo, aperte le iscrizioni al workshop di animazione poetica tenuto dalla regista Anna Shepilova. Ma anche mostre, workshop, reading, musica dal vivo, una tavola rotonda e il #fuorifestival con street food.

Si tiene nel centro storico di Pergola (Pesaro – Urbino) nel giardino di Casa Godio e in numerose altre location, dal 13 al 16 luglio 2017 – e con un preludio, il 12 luglio, dedicato al regista russo Alekandr Sokurov che riceve il Bronzo Dorato alla Carriera 2017 – la seconda edizione di ANIMAVÌ – Festival Internazionale del Cinema d’animazione poetico, con la direzione artistica del più importante regista italiano di cinema d’animazione, Simone Massi.

Tanti gli ospiti, dal disegnatore e regista Sergio Staino, all’attore e regista Marco Paolini – che porterà a Pergola in conferenza-spettacolo il suo Techno-Filò. Technology and me – agli attori Ninetto Davoli e Valentina Carnelutti, ai poeti Nino De Vita e Umberto Piersanti, ai tanti registi in concorso. Ospite d’eccezione il Maestro svizzero Georges Schwizgebel, che ha realizzato la locandina del festival, regista di fama internazionale premiato nei festival di tutto il mondo, da Cannes ad Annecy, autore di oltre venti cortometraggi d’animazione (tra cui La Course à l’abîme; The Man with No Shadow; Romance; Jeu; Erlkonig), in cui applica una tecnica originale, artigianale, che consiste nel dipingere a mano ogni fotogramma, realizzando una pittura animata, di fatto opere d’arte dinamiche. A condurre le serate di Animavì, primo festival al mondo dedicato specificatamente all’animazione poetica e d’autore, Luca Raffaelli, giornalista, saggista, sceneggiatore e uno dei massimi esperti di fumetti e animazione in Europa. Il programma completo al link www.animavi.org

A contendersi il Bronzo Dorato, prezioso trofeo artistico ispirato all’omonimo gruppo equestre di epoca romana e simbolo della cittadina marchigiana, saranno 16 opere di animazione provenienti da tutto il mondo, dall’Australia alla Svizzera – con “Aubade”, di Mauro Carraro – passando per l’italiano “Confino”, di Nico Bonomolo, che si avvale delle musiche di Gioacchino Balistreri, inserito nella long list per i Premi Oscar 2018 e candidato ai Globi d’Oro della Stampa Estera in Italia, ma anche lavori da Spagna, Francia, Russia, Cina, Corea del Sud, Polonia, Lettonia, Portogallo e Danimarca. La Croazia sarà rappresentata da “1000”, del fumettista e regista Danijel Žeželj. Lavori che saranno giudicati dalla Giuria composta dallo scrittore e poeta Nino De Vita – autore, tra gli altri, del volume La casa sull’altura, illustrato da Simone Massi e pubblicato da Orecchio Acerbo; dal regista Georges Schwizgebel e dall’attrice e regista Valentina Carnelutti.

Il festival avrà un preludio, a ingresso gratuito, mercoledì 12 luglio, a partire dalle ore 21:00 presso il Borgo di Montalfoglio, a San Lorenzo in Campo, con la serata dedicata al regista russo Aleksandr Sokurov (Madre e Figlio; Moloch; Il Sole; Arca Russa; Faust – Leone D’Oro a Venezia 2011), che il festival si onora di premiare con il Bronzo Dorato alla Carriera 2017. A seguire, la proiezione del suo ultimo lungometraggio, Francofonia. Quindi gli ospiti musicali, il gruppo Hombre all’ombra, lo spettacolo di circo e magia muto, ma tutt’altro che silenzioso, del gruppo L’abile teatro e un incontro speciale, con reading, con Valentina Carnelutti.

Il giorno successivo giovedì 13 luglio alle ore 16:00 presso la Libreria Guidarelli si inizierà con la presentazione del libro ‘Là sotto nell’inferno: da Pesaro a Marcinelle’ alla presenza dell’autore, Marco Labbate. Quindi, in collaborazione con il settimanale Film TV, media partner del festival, incontro con gli autori in concorso. La serata nel giardino di Casa Godio – a pagamento – ha inizio alle ore 20:00 con Le Memorie Vive, a cura del regista Filippo Biagianti, con i racconti di Duilio e con ospiti Valentina Carnelutti e il regista svizzero Georges Schwizgebel, che sarà omaggiato con una retrospettiva dei suoi lavori. A seguire la proiezione dei film in concorso Waiting for the new year , di Vladimir Leschiov (Lettonia); Myo-A, di MinJi Kang (Corea del Sud); Peripheria, di David Coquard-Dassault (Francia) e Mr Sand, di Soetkin Verstegen (Danimarca/Belgio). Il concerto serale sarà all’insegna del rock alternativo, indie e psichedelico del duo Comaneci.

Il programma di venerdì 14 luglio ha inizio alle ore 16:00 presso la Libreria Guidarelli con la presentazione dei lavori realizzati durante il workshop Animani, quindi l’incontro con gli autori in concorso a cura della redazione di Film TV e la sera, nel giardino di Casa Godio, Le Memorie Vive incontrano i racconti di Livio, con ospiti il disegnatore Sergio Staino e il poeta dialettale Nino De Vita, di cui saranno lette opere scelte. Quindi, la proiezione dei corti in concorso: Amore d’inverno, di Isabel Herguera (Spagna/Italia); The poem, di Xi Chen (Cina); 1000, di Danijel Žeželj (Croazia); Fugue for cello, trumpet and landscape, di Jerzy Kucia (Polonia); Summer 2014, di Wojciech Sobczyk (Polonia) e Soot, di David Doutel e Vasco Sá (Portogallo). Protagonista musicale della serata, il gruppo di ricerca e canto popolare La Macina.

Sabato 15 luglio alle ore 10:30, presso l’Officina Giovani di Pergola, la premiazione del miglior autore in mostra della Scuola del Libro di Urbino, alla presenza di Bianca Maria Pia Marrè, Luca Raffaelli, Julia Gromskaya e Sergio Staino. Quindi, alle ore 17:30, presso il teatro Tiberini di San Lorenzo in Campo, incontro con il fumettista, disegnatore e regista Sergio Staino, in occasione della presentazione di una selezione di opere della sua mostra ‘Bestie, Bestiacce & Bestioni’. La serata del festival nella consueta, splendida cornice del giardino di Casa Godio, si apre alle ore 20:00 con la conferenza-spettacolo teatrale Tecno-Filò. Technology and Me, di e con l’attore e regista Marco Paolini. Quindi, la proiezione dei corti in concorso A photo of me, di Dennis Tupicoff (Australia); Brutus, di Svetlana Filippova (Russia); My Grandfather was a Cherry Tree, di Olga e Tatiana Polietkova (Russia); Confino, di Nico Bonomolo (Italia); Bao, di Sandra Desmazieres (Francia) e Aubade, di Mauro Carraro (Svizzera). La serata sarà accompagnata dalla musica – rigorosamente acustica – dei The Morsellis.

L’ultima giornata del festival – domenica 16 luglio – si apre alle ore 10:30 presso Palazzo Bruschi con la tavola rotonda su ‘Il Cinema di Animazione Poetico’, a cura della redazione di Film Tv con il direttore della rivista, Giulio Sangiorgio e Pierpaolo Loffreda, Georges Schwizgebel, Anna Shepilova e i registi in concorso. Alle ore 12:00 la degustazione dei prodotti tipici di Pergola, a cura della Pro Loco. Quindi, alle 17:30 presso il Giardino Botanico di Fonte Avellana a Serra di Sant’Abbondio, reading, sotto il grande tasso secolare, con il poeta Umberto Piersanti. La serata del festival nel giardino di Casa Godio si apre alle ore 20:00 con Le Memorie Vive in compagnia di Veraldo, quindi l’omaggio all’attore pasoliniano per eccellenza, Ninetto Davoli (Il Vangelo Secondo Matteo; Uccellacci e Uccellini; Teorema; Partner; Casotto). A seguire, le premiazioni dei film in concorso, il tutto con la musica del cantautore e chitarrista Luigi Grechi.

Le giornate del festival a Casa Godio prevedono anche l’area #fuorifestival a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, con aree street food e musica di dj e concerti. Nella serata del 12 invece verrà organizzata una “cena sul mantile” nel borgo di Montalfoglio ad aprire la serata.

La ricca offerta del festival prevede anche dei workshop dedicati all’animazione poetica: da quello organizzato da Animani (30 giugno presso la Libreria Guidarelli prenotazioni libreriaguidarelli@valcesano.com) al “Laboratory of Poetic Animation” che sarà tenuto dalla regista russa Anna Shepilova, vincitrice dell’edizione 2016 di Animavì e che si terrà al Castello della Porta di Frontone, dal 10 al 15 luglio (per prenotazioni animavi@opera-coop.it). Il workshop è realizzato in collaborazione con la prestigiosa Scuola del Libro di Urbino, che ha rafforzato il sodalizio con il festival e aggiunge questa ulteriore forma di collaborazione al concorso biennale dedicato alla sezione di ‘Cinema di Animazione’ che si tiene all’interno del festival ogni 2 anni. Tre, quindi, le mostre del festival: presso l’Officina Giovani di Pergola, la Mostra dei lavori della sezione Disegno animato e Fumetto Scuola del libro di Urbino, quindi, presso Fisiosan, sempre a Pergola, la mostra delle opere di Simone Massi e presso il Foyer del teatro Tiberini di San Lorenzo in Campo la selezione di opere della mostra ‘Bestie, Bestiacce & Bestioni’, di Sergio Staino.

Animavì – che vanta il supporto di numerose figure di spicco della cultura e dell’arte, insieme a contadini, minatori, ex emigranti e partigiani – vuole soprattutto rappresentare a livello internazionale il “cinema d’animazione artistico e di poesia”, quel genere di animazione indipendente e d’autore che si propone di raccontare per suggestione, prendendo le distanze in maniera netta dall’animazione mainstream.

Animavì è un evento realizzato grazie all’organizzazione di Mattia Priori, Leone Fadelli, Silvia Carbone e dall’associazione culturale Ars Animae. Il festival ha partnership di Libera.mente Fano onlus; Urbino-Scuola Del Libro; Retina comunicazione; L’Image cinema video comunicazione; Madesign. Forte della Medaglia di riconoscimento del Presidente della Repubblica, il festival ha il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri; Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Regione Marche; Provincia di Pesaro e Urbino; dei Comuni di Pergola, San Lorenzo in Campo, Frontone e Serra Sant’Abbondio; Accademia del Cinema Italiano Premio David di Donatello; SNGCI – Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani; ASIFA Italia; Fondazione Marche Cultura. Main sponsor del festival: ETS Engineering SpA; Noctis SpA; Feluca Viaggi; Eidos Consulting Srl; BCC Pergola; Fisiosan Fisioterapia e Polispecialistica. Media partner: Film TV

Biglietti
Gli eventi del #fuorifestival sono a ingresso gratuito, le serate nel giardino di Casa Godio (Pergola) sono a pagamento, con biglietti acquistabili in loco e su www.liveticket.it/animavifestival e con possibilità di abbonamento a tutte le serate.

Per maggiori informazioni
www.animavi.org
info@animavi.org
www.facebook.com/animavifestival/
cell. 328 5371144

The post Animavì: Festival Internazionale del Cinema d’animazione poetico – seconda edizione appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/06/27/animavi-festival-internazionale-del-cinema-danimazione-poetico-seconda-edizione/feed/ 0
Sognare è vivere: in arrivo il film diretto e interpretato da Natalie Portman https://www.film-movie.eu/2017/04/13/sognare-e-vivere-in-arrivo-il-film-diretto-e-interpretato-da-natalie-portman/ https://www.film-movie.eu/2017/04/13/sognare-e-vivere-in-arrivo-il-film-diretto-e-interpretato-da-natalie-portman/#respond Thu, 13 Apr 2017 10:13:01 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1695 Il film, basato sul best seller autobiografico di Amos Oz ‘Una storia di amore e di tenebra’, sarà distribuito da Altre Storie in collaborazione con Giorgio e Vanessa Ferrero. Artista straordinaria e dal talento poliedrico, Natalie Portman sarà dal 1° giugno sul grande schermo con Sognare è Vivere nel ruolo di regista e attrice. Il […]

The post Sognare è vivere: in arrivo il film diretto e interpretato da Natalie Portman appeared first on Film-Movie.

]]>
Il film, basato sul best seller autobiografico di Amos Oz ‘Una storia di amore e di tenebra’, sarà distribuito da Altre Storie in collaborazione con Giorgio e Vanessa Ferrero.

Artista straordinaria e dal talento poliedrico, Natalie Portman sarà dal 1° giugno sul grande schermo con Sognare è Vivere nel ruolo di regista e attrice. Il film, distribuito da Altre Storie in collaborazione con Giorgio e Vanessa Ferrero, si basa su Una storia di amore e di tenebra, romanzo autobiografico di uno dei più grandi scrittori contemporanei, Amos Oz, pubblicato in Italia da Feltrinelli. La Portman, nata e cresciuta a Gerusalemme, è stata affascinata e ispirata dal libro e ha raccontato: “Sin da quando ho letto il libro, avrei voluto farne un film. Il romanzo è così commovente e ben scritto. Ho sentito tante storie sui miei nonni, sulla loro passione per la cultura e per le lingue, per l’Europa e per Israele. Il libro mi era familiare ed ero molto interessata ad approfondirne i temi”.

Sognare è Vivere è basato quindi sui ricordi di Amos Oz, cresciuto a Gerusalemme negli anni precedenti alla nascita dello Stato di Israele con i suoi genitori: il padre Arieh, studioso e intellettuale e la madre Fania, sognatrice e poetica. La sua è una delle tante famiglie ebree scappate dall’Europa in Palestina tra il 1930 e il 1940 per sfuggire alle persecuzioni. Il padre Arieh è cautamente ottimista nei confronti del futuro. Fania invece vuole molto di più.  Dopo la paura della guerra e della fuga, la noia della quotidianità opprime il suo animo. Infelice della vita matrimoniale e intellettualmente soffocata, per rallegrare le sue giornate e divertire suo figlio Amos di dieci anni, Fania inventa storie di avventure e di viaggi nel deserto. Amos è completamente affascinato quando sua madre gli legge poesie, gli spiega le parole e la lingua in un modo che avrebbe poi influenzato la sua scrittura e la sua stessa vita. Quando l’indipendenza non porta il rinnovato senso della vita che Fania aveva sperato, la donna scivola nella solitudine e nella depressione. Incapace di aiutarla, Amos deve imparare a dirle addio prima del tempo. Mentre assiste alla nascita di una nazione, deve cominciare ad affrontare un suo personale nuovo inizio.

Il film ha inizio nel 1945, prima della guerra di indipendenza in Israele, quando il territorio è ancora sotto il mandato britannico. Si arriva poi al 1953, diversi anni dopo il riconoscimento dello Stato e quando Amos Oz si trasferisce in un kibbutz. “Si tratta della nascita di uno scrittore, dovuta al vuoto che sua madre ha lasciato”, aggiunge la Portman, “un vuoto che lui deve riempire con parole e storie”.  E proprio alla figura complessa di Fania, madre di Amos, la Portman dedica un’intensa interpretazione, focalizzando sul rapporto con il figlio Amos una particolare attenzione da regista.

Il film è stato presentato al Festival di Cannes nella selezione ufficiale fuori concorso.

The post Sognare è vivere: in arrivo il film diretto e interpretato da Natalie Portman appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/04/13/sognare-e-vivere-in-arrivo-il-film-diretto-e-interpretato-da-natalie-portman/feed/ 0
Whitney: arriva nei cinema il documentario sulla vita di Whitney Houston https://www.film-movie.eu/2017/04/12/whitney-arriva-nei-cinema-il-documentario-sulla-vita-di-whitney-houston/ https://www.film-movie.eu/2017/04/12/whitney-arriva-nei-cinema-il-documentario-sulla-vita-di-whitney-houston/#respond Wed, 12 Apr 2017 17:02:37 +0000 http://www.film-movie.eu/?p=1689 ARRIVA AL CINEMA IL DOCUMENTARIO-EVENTO SULLA VITA DI UNA DELLE PIÙ POPOLARI VOCI DI TUTTI I TEMPI: WHITNEY HOUSTON Eagle Pictures è orgogliosa di presentare “Whitney”, documentario sulla vita di una delle voci più potenti ed iconiche della storia della musica: Whitney Houston. Il film sarà presente nelle sale il 24, 25, 26, 27 e […]

The post Whitney: arriva nei cinema il documentario sulla vita di Whitney Houston appeared first on Film-Movie.

]]>
ARRIVA AL CINEMA IL DOCUMENTARIO-EVENTO SULLA VITA DI UNA DELLE PIÙ POPOLARI VOCI DI TUTTI I TEMPI: WHITNEY HOUSTON

Eagle Pictures è orgogliosa di presentare “Whitney”, documentario sulla vita di una delle voci più potenti ed iconiche della storia della musica: Whitney Houston.
Il film sarà presente nelle sale il 24, 25, 26, 27 e il 28 Aprile.
A cinque anni dalla morte della celebre cantante, scomparsa l’11 febbraio 2012, il film permetterà al pubblico italiano di rivivere tutte le tappe di un grande successo e le fasi di una vita fatta di amori, scandali ed eccessi, fino al tragico epilogo di una donna forte, ma allo stesso tempo molto fragile.

La BBC, la rete televisiva nazionale britannica, ha realizzato un documentario sulla vita dell’artista. Il network Britannico ha poi affidato il lavoro a Nick Broomfield, regista inglese, noto per la sua capacità di scavare nella vita degli artisti più famosi e divenuto celebre per il documentario su un’altra icona della musica come Kurt Cobain.

Composto da materiali inediti, fra cui scene di vita quotidiana di Whitney e dei suoi familiari, interviste a colleghi e amici, alternati alle sequenze più belle dei suoi concerti, Whitney promette di far conoscere più da vicino questa grande e luminosa stella, che è andata piano piano perdendo la sua luce negli ultimi anni. Il regista Nick Broomfield, infatti, ha dichiarato di aver indagato in profondità la vita di Whitney per capire le cause che, da un successo stellare, l’hanno poi portata ad uno straziante declino artistico e personale.

È stata una delle artiste femminili di maggior successo insieme a cantanti del calibro di Madonna, Mariah Carey e Céline Dion.
Nella sua carriera, Whitney Houston ha battuto moltissimi record e scalato classifiche, anno dopo anno. I più importanti:
– Più di 190 milioni di copie vendute, fra album e singoli
– 46 settimane al numero 1 della classifica degli album più venduti
– 6 Grammy Awards
– 2 Emmy
– 31 Billboard music Awards
– 22 American Music Awards
– Tre album in contemporanea nella Top Ten della Billboard 200 per due settimane consecutive
Tra gli altri record, detiene anche il primo posto nella classifica degli artisti di colore di maggior successo insieme a Michael Jackson, e nel 2006 il Guinness dei Primati l’ha dichiarata “l’artista più premiata e famosa di tutti i tempi”.

Per scoprire dove vedere il film vai su www.eventowhitney.it

The post Whitney: arriva nei cinema il documentario sulla vita di Whitney Houston appeared first on Film-Movie.

]]>
https://www.film-movie.eu/2017/04/12/whitney-arriva-nei-cinema-il-documentario-sulla-vita-di-whitney-houston/feed/ 0